Metti un teatro a cena

Produzione Tieffe Teatro 
Ideato e diretto da Emilio Russo
Con Marco Balbi, Enrico Ballardini, Paolo Bessegato, Gianna Coletti, Claudia
Donadoni, Helena Hellwig, e “Musica da Ripostiglio”
Regia Emilio Russo
Costumi Pamela Aicardi
Luci Mario Loprevite

Il pubblico potrà cenare gustando i piatti della tradizione lombarda durante lo spettacolo, anche a Capodanno con la replica speciale delle ore 21:30.

Dopo il grande successo della scorsa stagione, riapre Trattoria Menotti, con nuove storie e un menù lombardo tutto da gustare.

Un teatro svuotato da poltrone, quinte, sipari e palcoscenico, dove il pubblico se lo vorrà potrà bere, mangiare, partecipare, ma anche solo guardare ed ascoltare per un viaggio emozionale ricco di suggestioni e sorprese. Non è gradito l’abito scuro!

“Ci son quattro dischi, due tanghi, una polka, un’antica mazurka, due mosci fox – trot, e il twist non c’è nel trani a gogò. Si passa la sera scolando barbera. Nel valpolicella la vecchia zitella cerca l’amor nel trani agogò…”

Con la sua grande ironia Giorgio Gaber ci ha regalato con questa “cartolina”, un’immagine
della Milano degli anni 60 alla quale ci siamo ispirati per allestire la nostra TRATTORIA
MENOTTI, un salto in un passato che ci appartiene, anche se non scritto nelle antologie e nei libri di storia. Tracce di una città che voleva cambiare, e quel cambiamento avveniva
soprattutto nei luoghi di condivisione, scuole, fabbriche, università, ma anche, e forse soprattutto, nei locali dove si “tirava mattino”, tra un bicchiere, o molti bicchieri di vino, un
risotto e un uovo sodo, a cantare, raccontare, a parlare di politica, ma non di potere,
semmai di contro potere.

Luoghi dove la tolleranza non era una moda, ma una pratica di vita quotidiana.
Palcoscenici minimi, che diventavano le “palestre” per una grande stagione di comici,
musicisti e cantautori, ma anche pittori e poeti. Tavolate di puttane, intellettuali e
giornalisti, ognuno con i propri abiti da lavoro, mentre la notte si faceva giorno, con ancora
la voglia di scambiarsi esperienze e giudizi sul mondo e forse tutti ad immaginare una vita
e una città probabilmente molto distante da quella di oggi, o chissà… Nessuna nostalgia e
nessun rimpianto, ma forse e solamente un chiedersi cosa è successo, tra i tavoli della
Trattoria Menotti.

Emilio Russo

“È la Milano degli anni 60 quella che troviamo al Teatro Menotti, la Milano “agra” di
Luciano Branciardi, la Milano scabra e rugginosa della ligera, una Milano da “trani”, da osteria di gente che sbarcava il lunario, di giovani ribelli, di quartieri spie del mondo che cambiava e di amori”.
Magda Poli 
Corriere della Sera

“La Trattoria Menotti fa ritornare per una sera alla Milano col “coeur in man” e la risata affilata dei tempi di Gaber e Jannacci…Si esce col sorriso stampato sulle labbra e la nostalgia di una città ironica e umana che non esiste più”.
Simona Spaventa – La Repubblica

2019 © . Tutti i diritti sono riservati