Dal paese dei balocchi

COMPAGNIA CLAUDIO E CONSUELO

Scheda Spettacolo

DAL PAESE DEI BALOCCHI

di e con: Consuelo Conterno, Claudio Giri

collaborazione alla regia: Antonio Catalano

Spettacolo pioniere nel campo della giocoleria, che diventa la tecnica portante, insieme alla clownerie, alla musica e al canto dal vivo, di un lavoro che ricongiunge circo e teatro utilizzando tecniche di teatro di strada pur non essendo uno spettacolo di strada.

Oggetti quotidiani, noncuranti della legge di gravità che volano, si corteggiano, si scambiano e cucinano attraverso un “giocare” che non è una finzione inconcludente o un esercizio della propria abilità ma diventa un modo per agire, per sopravvivere, per superare le proprie debolezze;

due personaggi, pervasi da una vena di clownesca assurdità e sorretti dall’ingenua determinazione che obbliga bambini ed eroi a credere ai sogni;

sono gli elementi di una messa in scena che racconta ancora una volta la scoperta dell’isola incantata, cercata per lungo e per largo, già dentro chi la cerca, se la cerca con gli occhi giusti.

Così, giocando, si trova il Paese dei Balocchi.

Volano uova e asciugacapelli, secchi e “buralline”, falci, scope, pistoni e altro invece di birilli, cerchi o palline, accentuando il senso di irrealtà che la giocoleria può aggiungere al racconto fantastico.

Situazione di sogno, soluzioni inverosimili, ma la frittata risolutiva cotta lì sul palco (sempre giocando, naturalmente) è così reale che si mangia per davvero. 

La ricetta? Ve la daremo.

Però…

Cosa ci volete fare, io non porto qui con me

La ricetta contro fame, cattiveria e puzza ai piè

Se un Paese dei Balocchi vi piacesse prima o poi

Iniziateci a pensare un pochino pure voi

Chapiteau Menotti