fbpx

BIANCO SU BIANCO

Una produzione Compagnia Finzi Pasca in co-produzione con Teatro Sociale Bellinzona–Bellinzona TeatroMaison de la culture de Nevers et de la NièvreL’Odyssée-Scène conventionnée de Périgueux

Autore, regista, co-design luci, coreografie e Firefly Fores Daniele Finzi Pasca
Direttrice di creazione e produzione Julie Hamelin Finzi
Musica, sound design e co-design delle coreografie Maria Bonzanigo
Scenografia, accessori e co-design Firefly Forest Hugo Gargiulo
Produttore esecutivo e membro del team creativo Antonio Vergamini
Costumi Giovanna Buzzi
Co-design luci e FireFly Forest Alexis Bowles
FireFly Forest Roberto Vitalini–bashiba.com
Assistente alla regia Geneviève Dupér
Make-up design Chiqui Barbé

Uno spettacolo delicato e intenso, nato dal desiderio dei creatori principali di due cerimonie olimpiche Daniele Finzi Pasca, Julie Hamelin Finzi, Hugo Gargiulo, Maria Bonzanigo, Antonio Vergamini, Giovanna Buzzi, Alexis Bowles, Roberto Vitalini e Matteo Verlicchi di tornare a una dimensione artisticamente intima e raccolta.

Bianco su Bianco narra la storia di Ruggero e di Elena, della difficile infanzia del ragazzo –un padre violento, strane macchie sulla pelle e niente sorrisi-, della forza dell’amicizia che gli consente di attraversare la tempesta, e di quel legame tanto magico quanto misterioso che è l’amore, che li sosterrà entrambi nella scalata di una vetta tra le più alte.

Uno spettacolo dove i due interpreti-attori-acrobati-clown Helena Bittencourt e Goos Meeuwsen(conosciuti durante la collaborazione di Daniele con il Cirque du Soleil, da molti anni membri della Compagnia Finzi Pasca,) dialogano con un sofisticato e suggestivo universo fatto di luci e di suoni: una tecnologia sviluppata perla grande foresta di luci che sormontava lo stadio olimpico a Sochi e che, ridimensionata ad uso teatrale, diventa un ulteriore, impalpabile interprete dello spettacolo. Ognuna delle più di trecento lampadine è dotata di vita propria ed insieme possono respirare, danzare e palpitare, amplificando le emozioni degli interpreti, immergendo il pubblico in luoghi dell’immaginario che suscitano stupore. Una musica delicata e cristallina accompagna la storia di vita e di speranza di questa coppia divertente, fiabesca e un po’ surreale.