fbpx

Realtà Debora Mancini presenta la terza edizione della rassegna “Con tutti i sensi – Emozioni per tutto l’anno”, che si terrà al Teatro Menotti di Milano.

Quella che ci aspetta è una stagione in cui i linguaggi d’elezione sono la musica e la parola.

Cinque doppi appuntamenti domenicali, al mattino, per i piccolissimi di 0-36 mesi e 3-8 anni, dedicati ai cinque sensi per vivere emozioni per tutto l’anno. 

Tutti gli appuntamenti sono con musica dal vivo e sono ispirati alle opere e agli studi di grandi donne e grandi uomini che si sono dedicati all’infanzia: Mario Lodi, Maria Montessori, Gianni Rodari, Alfred Tomatis.

Tra i protagonisti, oltre ai curatori della rassegna Debora Mancini e Daniele Longo, artisti e musicisti di talento e di grande esperienza in progetti dedicati all’infanzia: Arsène Duevi, Enrico Ernst, Simone Grizi, Eloisa Manera, Bruno Saitta, Daniela Tediosi, Elena Terrani, Nicoletta Tiberini, Stefano Torre

Gli incontri saranno introdotti da Piero Chianura, giornalista; Enrico Strobino, didatta; Stefano Sandrelli, astrofisico; Anna Cattoretti, musicista, bibliotecaria e Paola Conte, musicista, didatta.

Inoltre, un appuntamento speciale per tutti, a ingresso libero, sarà il 20 novembre in occasione di Book City Milano per la presentazione de Le 1500 Regine albo illustrato di Enrico Ernst. 

«Desideriamo un teatro che nutre, che fa crescere, per giocare, sognare, volare e tutto da vivere, fin dai piccoli…con tutti i sensi.

Ci auguriamo che le famiglie possano trovare momenti di intrattenimento e coinvolgimento di qualità, e d’incontro per scambiarsi esperienze, idee, opinioni e riflessioni.

Auspichiamo che gli artisti e i professionisti possano vivere quelle che per noi sono anche  occasioni di divertimento, ispirazione e condivisione. 

E ai bambini?

A loro si lascerà (con sincera gioia ed emozione profonda) la possibilità di guardare senza giudizio e con gli occhi della fantasia, di ascoltare in libertà, e di vivere gli spettacoli pienamente, con tutti i sensi, come solo loro sanno fare».